La ludopatia: il punto di vista dello psicologo

Le malattie del gioco d’ azzardo

Recuperare il benessere perduto

La caratteristica essenziale del gioco d’ azzardo patologico  è che il paziente è spinto da un incontrollabile e schiacciante desiderio di giocare, alterando così la vita personale, familiare o di lavoro. E’ anche caratteristico che quando la persona ne è affetta i suoi pensieri sono sempre rivolti alla pianificazione o l’interesse ad ottenere soldi per giocare di nuovo. Questo problema non si pone all’ improvviso, ma viene implementato a poco a poco in modo che un giocatore abituale scivola in questa patologia quasi senza rendersene conto, diventa a questo punto essenziale rivolgersi ad uno psicologo.

La maggior parte delle persone con gioco d’ azzardo patologico ci dicono che giocano per l’adrenalina che sentono scorrere attraverso il loro corpo perché il gioco genera uno stato di attivazione e a volte euforia. Quando si rende conto della sua condizione, la persona di solito cerca di smettere di giocare, ma lo fa per periodi di tempo molto brevi, in cui aumentano anche i loro livelli di irritabilità. D’ altra parte, spesso usano il gioco d’ azzardo anche come un modo per sfuggire a problemi o emozioni negative, e molti dei nostri pazienti ci hanno detto che mentre giocavano “non pensavano”. E’ molto comune per loro mentire alla famiglia circa il loro grado effettivo di coinvolgimento nel gioco. A differenza di altre dipendenze, il paziente può rendersi conto che la loro dipendenza è un disturbo, anche se non riconosce gli altri perché non sono in grado di rinunciare al gioco d’ azzardo.

Spesso il paziente nasconde la dimensione reale del suo problema e viene a cercare aiuto solo quando è incapace, di solito a causa di problemi finanziari.

Primo passo per superare la malattia del gioco d’ azzardo

Durante la prima visita, lo psicologo racconterà un’ ampia storia del suo comportamento nel gioco d’ azzardo: a che età ha iniziato a giocare, quando ha iniziato a non controllare il suo comportamento di gioco d’ azzardo, quanto denaro ha speso per ogni episodio, la frequenza e la durata degli episodi di gioco d’ azzardo, e le conseguenze negative che il gioco d’ azzardo ha avuto a livello economico, familiare e lavorativo.

Inoltre, è anche molto importante che il paziente comprenda come si è verificata questa dipendenza e quali sono i fattori che l’ hanno mantenuta.

D’ altra parte, valuteremo anche altri sintomi psicologici che accompagnano il gioco d’ azzardo, come la depressione, l’ ansia e a volte altre dipendenze.

Limitare queste variabili ci permetterà di progettare un piano di trattamento specifico per il vostro caso.

Ricordate, i nostri obiettivi durante la prima consultazione saranno i seguenti:

1. Una diagnosi accurata.
2. Lasciatevi capire il suo gioco d’ azzardo patologico.
3. Elaborare un piano di trattamento.

Qual è il trattamento?

Il nostro trattamento ha un alto livello di efficacia scientificamente comprovato, con un focus primario sull’ intervento cognitivo come nucleo del trattamento. Oltre l’ 86% dei nostri pazienti rimane indenne dai sintomi dopo 1 anno di trattamento. Lavoriamo con loro per modificare le distorsioni cognitive (“mentali”) che li portano all’ auto-inganno e si auto-convincono che stanno per vincere nel prossimo gioco. Questi aspetti cognitivi sono trascurati da molti trattamenti che si concentrano esclusivamente su come fermare il gioco d’ azzardo comportamento. Trascurare gli aspetti cognitivi è ciò che finisce per causare ricadute in pazienti con malattia da gioco d’ azzardo.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *